Soluzioni per la Sanità

Drive USB per la Protezione dei Dati, Certificati FIPS 140-2 Level 3, con Crittografia Hardware

Proteggi la privacy dei pazienti e dello staff della tua struttura e la riservatezza dei dati medici con i dispositivi certificati Kanguru.

Con i drive sicuri Kanguru, certificati FIPS 140-2 e Common Criteria, e conformi agli standard HIPAA e GLBA, gli ospedali e le organizzazioni sanitarie possono mantenere i loro dati protetti in modo automatico grazie alla crittografia hardware e possono risultare compliant rispetto alle più restrittive regolamentazioni, senza incorrere nelle pesanti sanzioni previste dall’imminente Regolamento Europeo sulla Protezione dei Dati in caso di data breach. Ogni dispositivo USB sicuro Kanguru Defender® USB ha la crittografia hardware AES-256 integrata sicché non è necessaria l’installazione di alcun software e fornisce una misura di sicurezza extra rispetto alla crittografia basata su software. I dispositivi Kanguru Defender possono anche venire dotati di antivirus integrato per proteggere i dati contro virus, malware e spyware.

Inoltre, la gestione remota tramite il software Kanguru Remote Management Console permette agli amministratori IT di controllare e gestire tutti i dispositivi USB ovunque essi si trovino, offrendo da un lato al personale sanitario la comodità derivante dalla mobilità dei dati, dall’altro garantendo all’organizzazione la totale protezione dei dati contro la minaccia di un data breach.

Scopri di più sulla gestione remota dei drive USB Crittografati

In quanto produttore di soluzioni di storage al più alto livello di protezione dei dati, Kanguru considera la sicurezza una questione fondamentale e aderisce alle regolamentazioni più restrittive degli enti governativi e dell’industria. Kanguru è impegnato a fornire ai suoi clienti i dispositivi più sicuri disponibili sul mercato e ha dimostrato questo impegno ottenendo sia la certificazione FIPS 140-2 che quella Common Criteria.

Kanguru dimostra il suo impegno nel ricercare i più elevati livelli di sicurezza sottoponendo le sue soluzioni ai più severi test di sicurezza e, con l’ottenimento della certificazione Common Criteria, non solo il prodotto finale, ma l’intero processo di progettazione e sviluppo è stato considerato aderente agli standard più elevati.

La perdita di dati sensibili può avere conseguenze devastanti

Qualunque organizzazione che tratti dati PHI (Protected Health Information) – un ospedale, un medico, una compagnia di assicurazione – deve assicurare la protezione e la privacy di questo tipo di informazioni. Tuttavia, si è assistito ad uno sconcertante numero di casi in cui i dati sanitari sono stati compromessi, mettendo in dubbio le misure di sicurezza adottate da queste strutture mediche. Secondo Redspin, compagnia di informatica sanitaria, oltre 29 milioni di pazienti hanno visto compromessi i loro dati sensibili dal 2009 in qua. E, dal 2012, c’è stato un aumento del 138% dei data breach di informazioni regolate dallo standard HIPAA. Redspin riporta inoltre che all’origine di circa l’83% di questi data breach vi è stato un furto di dati.

E’ interessante notare, tuttavia, che i data breache che coinvolgano le informazioni sanitarie di meno di 500 individui non debbono necessariamente essere notificati. Così, i 29 milioni riportati da Redspin e dall’Office of Health and Human Services sarebbe di fatti più vicino a 40-45 milioni, secondo Lisa Gallagher, senior director di privacy e security dell’Healthcare Information and Management Systems Society.

Allora, come possono le organizzazioni sanitarie proteggere se stesse e le informazioni riservate dei loro pazienti?

La maggior parte di questi data breach avrebbero potuto essere evitati semplicemente adottando migliori misure di protezione della privacy. Con una regolare analisi dei rischi, l’aggiornamento regolare dei sistemi e delle policy aziendali, le organizzazioni medico-sanitarie possono evitare quasi completamente i data breach. Cionondimeno, per essere a prova di bomba, queste organizzazioni devono adottare misure di sicurezza maggiori per garantire che le informazioni mediche dei loro pazienti non siano a rischio.

Se da un lato un protocollo di sicurezza strutturato ed un insieme restrittivo di policy aziendali possono aiutare ad impedire i data breach, l’utilizzo di dispositivi di archiviazione crittografati portano la protezione dei dati ad un livello più alto. E qui entra in gioco Kanguru.

Le Soluzioni che Kanguru Italia ti suggerisce

Hai bisogno di un consiglio per orientarti nella scelta?

Nessun problema: contatta un esperto di Kanguru Italia e scopri qual è la soluzione più adatta alla tua attività!

Kanguru Italia, il tuo partner nella protezione dei dati on the move & at rest

Divisione di Casali Corporation srl

Get in touch

via di Romagna 9/1, Trieste, Italia


+39 366 89 48 545

info@kanguruitalia.it

KanguruItalia

Quick Feedback

Termini e condizioni

Contatto Commerciale